Elezioni comunali di Roma

A Roma la controrivoluzione tranquilla dei monarchici

Parte da Roma la «controrivoluzione tranquilla» dei monarchici

iltempo italiarealeC’è anche Gian Piero Covelli, erede di Alfredo Covelli, fondatore e leader storico del Partito nazionale monarchico, membro dell’Assemblea Costituente e della Camera (dove è conservato il suo archivio).

C’è anche lui nella lista che Italia Reale ha presentato in vista delle elezioni comunali di Roma. Un ritorno dopo 40 anni passati a sostenere i partiti del «sistema». Ora basta. Lo «sfascio repubblicano» è tale che bisogna tornare a battersi in prima linea. Con le bandiere di casa Savoia e il «glorioso simbolo» Stella e Corona.

Italia Reale: la Rai non rispetta la par condicio

Rai Italia RealeItalia Reale: «Diffidiamo la Rai, che non rispetta la par condicio»

«Il servizio pubblico nel trattare le comunali di Roma non rispetta la par condicio e Italia Reale non ci sta»

Così dichiara Angelo Novellino, il candidato sindaco di Italia Reale, la lista monarchica per Roma, che rende noto di aver inviato ufficiale diffida alla Rai.

«A Ballarò – spiega Novellino - sono stati ripetutamente invitati i candidati sindaco Gianni Alemanno e Alfio Marchini, ma quest’ultimo non è neppure espressione di un partito politico rappresentato in Parlamento e, dunque, ha la stessa legittimazione di tutti gli altri candidati in lizza».

I monarchici con Italia Reale ripartono da Roma

Parla all’Agir il candidato sindaco Angelo Novellino

“Valori forti contro poteri forti”, lo slogan del movimento che per il Campidoglio rispolvera lo storico simbolo Stella e Corona.

In lista hanno impiegati, professionisti, casalinghe, imprenditori e sangue blu, per testimonial una principessa e come mezzo di propaganda una piccola ape (nella foto) che porta in giro per Roma il loro simbolo. Dopo 40 anni di appoggio ai partiti repubblicani, il movimento politico nazionale monarchico riparte da Roma con una propria lista: Italia Reale. Monarchici di tradizione e liberali per proponimenti, si presentano come l’alternativa non grillina allo “sfascio repubblicano” e “al sistema dei partiti in putrefazione”. Il simbolo è quello storico di Stella e Corona, l’ambizione riaffacciarsi presto sulla scena nazionale, il candidato sindaco Angelo Novellino. A lui l’Agir ha posto qualche domanda.

Italia Reale, i monarchici alla conquista di Roma

 

A volte ritornano. Non avrà il valore di un referendum istituzionale né servirà come trampolino per un improbabile tuffo nel passato e nella storia pre-repubblicana, ma nelle prossime elezioni comunali di Roma ci sarà un ritorno importante per il microcosmo di appassionati-nostalgici delle vicende monarchiche italiane. Nella galassia di simboli che gli elettori troveranno sulla scheda (ben 22 candidati per 45 liste), comparirà, infatti, anche «Italia Reale», la lista dei «monarchici per Roma», che si presenta come «alternativa non grillina allo sfascio repubblicano».

Roma, Italia Reale corre per il Campidoglio

italia reale a romaRoma, Italia Reale corre per il Campidoglio

La lista dei monarchici in campo alle amministrative. Il candidato sindaco? Un commercialista. 

Chi non vorrebbe essere il re di Roma. In mancanza di quel titolo si può sempre aspirare a quello di sindaco. Sarà per questo che alle prossime amministrative della Capitale scende in campo anche la lista dei monarchici, Italia Reale.

I promotori l’hanno definita una «controrivoluzione tranquilla» per ostacolare i soliti partiti repubblicani e diventare l’alternativa coronata al Movimento 5 stelle di Beppe Grillo. Tra il serio e il faceto sono pronti a dare battaglia in nome dei loro ideali.

Pages